Degustazione ADB #wineclub – 2015: Barbera d’Alba e Dolcetto d’Alba a confronto. Piace di più il Barbera d’Alba di “L’Astemia pentita”

L’ADB #wineclub organizza periodicamente delle degustazioni vinicole alla “cieca”, vale a dire i degustatori non sono informati dei vini che assaggiano.

clicca qua per vedere il video di questa degustazione 

Il tema dell’ultima degustazione è stato: 2015: Barbera d’Alba e Dolcetto d’Alba a confronto.

Si precisa che lo scopo principale di queste degustazioni è soprattutto didattico e cioè, bere senza essere condizionato dalle etichette.

I vini sono passati, alla cieca, sotto l’esame attento di 13 degustatori ADB #wineclub: Aiello Giuseppe, Amato Michele, Buonora Diodato, Daniele Raffaele, Desimone Angelo, Galdi Valentino, Giannattasio Angelo, Gigantino Roberto, Napoleone Franco, Novi Annamonica, Paolantonio Marco, Petraglia Andrea, Pinto Fabio. 

I campioni degustati il 15 febbaio 2018, nella nuova sala degustazione della CASA VINICOLA CUOMO – I VINI DEL CAVALIERE di Paestum, hanno dato i seguenti risultati espressi in centesimi, scaturiti dalla media dei voti di tutti i degustatori, escludendo il punteggio più alto e quello più basso. Naturalmente, è possibile per numerosi motivi, che un altro campione della stessa azienda e della stessa annata possa dare un giudizio diverso.

1° Barbera d’Alba Doc 2015, L’Astemia pentita , Barolo (CN). Gradazione 15%. Prezzo indicativo in enoteca € 15,00. Punteggio 82/100. 

2° (intruso) – Sannace 2015, Malvasia nera Puglia Igp, Coppi, Turi (BA). Gradazione 12%. Prezzo indicativo in enoteca € 9,50. Punteggio 81/100. 

3° – L’Alto 2015, Dolcetto d’Alba Doc, Paolo Conterno, Monforto d’Alba (CN). Gradazione 14,5%. Prezzo indicativo in enoteca € 12,00. Punteggio 80,81/100. 

4° – Barbera d’Alba Doc 2015, Giacomo Borgogno & Figli , Barolo (CN). Gradazione 13,5%. Prezzo indicativo in enoteca € 16,00. Punteggio 79,54/100. 

5° – Dolcetto d’Alba 2015 Doc, Tenuta l’Illuminata, La Morra (CN). Gradazione 13,5%. Prezzo indicativo in enoteca € 11,00. Punteggio 78,90/100. 

6° – Barbera d’Alba Doc Superiore 2015, E. Pira & Figli – Chiara Boschis , Barolo (CN). Gradazione 14,5%. Prezzo indicativo in enoteca € 20,00. Punteggio 75,90/100. 

7° – Non classificato – San Rümu 2015, Dolcetto d’Alba Doc, Cascina Carlot di Mo Claudio, Coazzolo (AT). Gradazione 13%. Prezzo indicativo in enoteca € 10,00. Senza voto.  Al naso si sono percepiti netti sentori di tappo che non hanno permesso di giudicare il vino. Come già accaduto in precedenti occasioni, nelle degustazioni ADB-Amira, essendo rigorosamente alla “cieca”, non è possibile sostituire la bottiglia, in quanto neanche il cameriere di turno conosce il vino che sta servendo. 

*****

Dai degustatori 9 commenti “a caldo” … 

-          Ad ogni degustazione s’impara qualcosa! Nonostante l’eleganza e la fragranza del Dolcetto ed il sapore ricco e intenso del Barbera, credevo che la Malvasia nera fosse facile da individuare. Si è mimetizzata alla grande … [Marco Paolantonio]. 

-          Le Langhe sono sicuramente una delle zone vitivinicole più affascinanti del Nord Italia, non a caso, nel 2014 è stata dichiarata patrimonio dell’umanità dall’UNESCO. Bella espressione di vini tra i più bevuti delle Langhe. Oggi “vince” il Barbera che negli ultimi 10 anni è diventato un vino di prestigio [Raffaele Daniele]. 

-          Degustazione interessante. Barbera e Dolcetto a confronto. Due vini che si lasciano rispettare per la loro piacevolezza. A mio parere, il Barbera si è distinto per il suo elevato grado di acidità. Un plauso anche all’intruso, la Malvasia nera Puglia Igp di Coppi [Franco Napoleone].

-          Buoni i vini. Una degustazione che ti fa capire ulteriormente quando sia interessante questo mondo [Giuseppe Aiello]. 

-          Degustazione interessante, nonostante si tratti che non gradisco particolarmente. Ottimo il Barbera d’Alba “L’Astemia pentita”. Ad ogni degustazione c’è da imparare qualcosa! [Angelo Giannattasio]. 

-          Sentori e colori molto simili hanno reso la degustazione di oggi molto interessante. Bisognerebbe degustarli più spesso per apprezzare le caratteristiche di questi vitigni [Angelo Desimone]. 

-          È proprio vero: “il sommelier esperto è inesperto”. Barbera e Dolcetto d’Alba a confronto: riconoscerli, individuarli è un arduo compito [Fabio Pinto]. 

-          Dopo tanto tempo è un piacere essere seduto con un gruppo di amici a degustare vini che il buon Diodato ha selezionato per noi. Dal Barbera ti aspetti di sentire il non plus ultra e non è così, il Dolcetto, un po’ sconosciuto merita di essere approfondito. Comunque una degustazione all’insegna che il mondo del vino è un grandissimo scrigno  che riserva bellissime sorprese!!! [Michele Amato]. 

-          Barbera e Dolcetto per chi vuol bere un buon bicchiere di vino piemontese … in attesa che il Barolo decanti! [Annamonica Novi]. 

-          Degustazione molto interessante. Vini di buona struttura ed equilibrio. Uno su tutti, il Dolcetto di Paolo Conterno [Roberto Gigantino]. 

-          Che degustazione!!! Non è mai facile degustare vini alla cieca e questa degustazione ne è stata prova entusiasmante dal punto di vista didattico soprattutto per la sorpresa Malvasia nera … [Andrea Petraglia]. 

-          Degustazione motivante. In quanto a conoscenza vitivinicola, siamo solo come un granello di sabbia del deserto! [Valentino Galdi]. 

 

3° attestato di BRAVO DEGUSTATORE per Marco Paolantonio – Consegna Michele Amato

…. e 1 commento a “freddo”: 

-          Vini che conosciamo e beviamo poco. Abbiamo potuto dire solo quale ci piaceva di più. Non siamo minimamente riusciti a capire la differenza tra Barbera e Dolcetto. La stessa Malvasia nera non è stata individuata, nonostante la differenza di vitigno, territorio e gradazione. Ma non molliamo, degustare e scoprire vini e sempre molto entusiasmante [Diodato Buonora].

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,